Teatro Comunale di Modena
“luciano pavarotti”

Il Teatro Comunale di Modena fu inaugurato nel 1841 con la denominazione Teatro dell’Illustrissima Comunità. Nel corso della sua storia ha conservato intatta la sua bellezza e non ha subito alcuna trasformazione strutturale significativa. Nella sua veste attuale, il Teatro, è frutto di un accurato restauro storico-conservativo che lo ha riportato allo splendore originale e adeguato a tutte le moderne norme di sicurezza.
L’eccellenza acustica, il pregio e l’eleganza del manufatto, ne fanno uno dei più preziosi teatri italiani. Teatro di Tradizione, offre annualmente uno dei cartelloni più ricchi della regione con le stagioni di lirica, di balletto e di concerti, dall’autunno alla primavera inoltrata.
Luogo di incontro, discussione e riflessione sulle proprie tradizioni, sulla propria cultura, sugli avvenimenti della contemporaneità, il Teatro di Modena si propone come “spazio degli incontri”, del confronto fra idee diverse e linguaggi diversi. Negli ultimi ha dunque impresso una accelerazione all’apertura verso idiomi nuovi, musicali e visivi, dando spazio a registi, giovani cantanti, coreografi emergenti, ma ampliando anche il campo dedicato a quelle esperienze musicali che germogliano ai confini, negli spazi di generi differenti.

Con la Stagione lirica 2001-2002 si è realizzato, per il Teatro Comunale di Modena, il suo progetto organizzativo più impegnativo, un radicale rinnovamento che ha trasformato l’ente in Fondazione.
Il percorso, avviato in sede istituzionale con una deliberazione del Consiglio Comunale nel luglio 2001, si è concluso con l’adesione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e di cinque soci privati.
L’ingresso dei nuovi soci fondatori giunge al termine di un decennio di rinnovamenti, fra i quali, il restauro integrale dell’edificio – uno dei palazzi storici più importanti della città – ed all’inizio di una nuova fase che ha rilanciato l’attività di produzione in collaborazione con gli altri teatri della Regione, molti dei quali hanno successivamente seguito il medesimo percorso gestionale. La nascita della nuova Fondazione Teatro Comunale di Modena – uno dei primissimi teatri di tradizione a tagliare il traguardo del nuovo statuto – ha rappresentato, infatti, per tutta la Regione, un importante obiettivo ed un esempio da seguire.

Nell’ottobre 2007 l’edificio è stato intitolato “Teatro Comunale Luciano Pavarotti”, in memoria del grande tenore modenese a un mese dalla sua scomparsa.

VAI AL SITO DEL TEATRO

MODENA

Modena è una straordinaria città d’arte e di cultura.
La città e il suo territorio provinciale si distinguono per due caratteristiche peculiari: i motori e il cibo. Da un lato il territorio modenese è sede di importanti industrie alimentari, dall’altro la città è riconosciuta nel mondo come la capitale mondiale dell’automobilismo sportivo: Ferrari, Maserati, Pagani, De Tomaso. A questo si affiancano le importanti aziende del Distretto della Ceramica nei territori di Sassuolo e Fiorano Modenese, la notevole industria tessile del territorio di Carpi.
Il Duomo e la Ghrirlandina assieme a Piazza Grande, sono riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

VISIT MODENA EMILIA ROMAGNA TURISMO

Cartellone Streaming 19/20

La Bohème

Teatro Comunale di Modena
13 ottobre 2019 - ore 15.30

Turandot

Teatro Regio di Parma
19 gennaio 2020 - ore 15.30

Falstaff

Teatro Municipale di Piacenza
26 gennaio 2020 - ore 15.30

Cavalleria Rusticana e Pagliacci

Teatro Valli di Reggio Emilia
9 febbraio 2020 - ore 15.30

Lucrezia Borgia

Teatro Dante Alighieri di Ravenna
8 marzo 2020 - ore 15.30

L'Elisir d’Amore

Teatro Comunale di Bologna
10 aprile 2020 - ore 18.00

Madama Butterfly

Teatro Comunale di Ferrara
4 maggio 2020 - ore 20.00

OTHERNESS, FEAR AND DISCOVERY

Teatro Comunale di Modena
8 maggio 2020 - ore 20.00

Media partner:

OperaStreaming
Coordinamento:
Fondazione Teatro Comunale di Modena
Via del Teatro 8 - 41121 Modena
P.IVA e CF 02757090366
info@teatrocomunalemodena.it
Tel. 059 - 2033020

Opera Streaming