STREAMING LIVE

18 Dicembre 2021 – ore 20.00 CET

MARÍA DE BUENOS AIRES

ASTOR PIAZZOLLA

18 Dicembre 2021 – ore 20.00 CET

 

 

 

 

Opera Tango – Omaggio ad Astor Piazzolla nel 100° dalla nascita
testo di Horacio Ferrer

interpreti principali
María Martina Belli
Payador Ruben Peloni
El Duende Daniel Bonilla-Torres

regia Carlos Branca
Orchestra Arcangelo Corelli
Davide Vendramin bandoneon
direttore Jacopo Rivani

Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto coordinamento produttivo danza
MM Contemporary Dance Company danzatori
Michele Merola coreografo

scenografia Giulio Scutellari e Carlos Branca
aiuto regista Rosanna Pavarini
assistente alla coreografia Paolo Lauri
bozzetti costumi Carla Mellini
realizzazione costumi Nuvia Valestri
capo sarta Isabella Franzoni
trucco Tobias Tran
maestro di sala e collaboratore di palcoscenico Chiara Cattani
maestro alle luci Mattia Mazzini
direttore di scena Turchese Sartori

nuova coproduzione Ravenna Festival e Fondazione Teatro Comunale di Ferrara
con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia

 

 

Creata insieme al poeta uruguaiano Horacio Ferrer, Maria de Buenos Aires si basa su 17 numeri musicali, in gran parte ispirati al tango. Ma quello di Piazzolla è un ‘tango nuevo’, basato su giri armonici ripetitivi, quasi ossessivi, ipnotici. Il testo visionario e onirico, narra le vicende umane di una giovane donna e la sua discesa agli inferi. Il bandoneón, strumento musicale dapprima utilizzato nelle processioni religiose e diventato poi elemento ‘sacro’ del tango, diventa il simbolo del Male che ha travolto Maria, metafora a sua volta della città di Buenos Aires e le sue infinite contraddizioni. L’opera, interpretata da Amelita Baltar, debuttò nel 1968 nella capitale argentina, unendo sacro, profano e fantastico. “L’opera passò inosservata, in sordina, e non ebbe il successo che meritava – commenta il direttore artistico Marcello Corvino -. La critica lo stroncò, perché aveva tradito il tango tradizionale. Poi incontrò Milva, che divenne interprete dei suoi brani più famosi”. Fu la prima che ha interpretato Maria de Buenos Aires in Italia nel 1999 a Palermo. A Ferrara la pièce sarà proprio dedicata alla ‘Pantera di Goro’, scomparsa il 23 aprile scorso.

Lo spettacolo è affidato a tre voci e nove danzatori. Marìa sarà interpretata da Martina Belli, versatile mezzosoprano e voce di raro fascino, affiancata dal baritono di origini argentine Ruben Peloni (Payador), mentre Daniel Bonilla-Torres interpreta El Duende, il folletto che diventa appassionata voce narrante della vicenda. Nello stesso ruolo, in passato, proprio Bonilla-Torres era stato in tournée internazionale con Milva. Il palco è sovrastato da un’impalcatura, scenario e insieme gabbia su cui la storia prende forma. Il regista Carlos Branca, esponente di spicco del teatro lirico e di prosa, oltre all’Orchestra Arcangelo Corelli diretta da Jacopo Rivani e caratterizzata dal peculiare suono del bandoneón di Davide Vendramin, ha coinvolto per questa coproduzione (che unisce cinque enti teatrali italiani) i danzatori di MM Contemporary Dance Company di Reggio Emilia del coreografo Michele Merola con il coordinamento di Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto. Nel cast artistico coinvolti anche alcuni professionisti della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, tra cui Giulio Scutellari che con Carlos Branca firma le scene e Marco Cazzola il disegno luci. 

Il realismo magico sudamericano, spietato e poetico, si incarna nella storia di Maria, insieme bambina, adolescente, donna, cantante, prostituta e vittima della metropoli di Buenos Aires. Solo con la morte la sua ombra ritrova la verginità e rinasce partorendo una bambina che porta il suo stesso nome. “Anche se in argentino la si chiama operita, e Piazzolla stesso usava il termine in modo sarcastico, María de Buenos Aires è probabilmente il lavoro più importante di Astor Piazzolla – spiega il regista Carlos Branca -. Attingendo dal suo vissuto, dalle sue esperienze dal suo ostinato coraggio, ma anche rispettando la tradizione, Piazzolla ha dato origine ad un’opera d’arte d’avanguardia”.

La storia surreale e visionaria trae spunto da una leggenda metropolitana sulle vicende della sfortunata María, nata in un miserabile sobborgo di Buenos Aires. “Le vicende della protagonista raccontano gli anni della povertà, della speranza, dell’oppressione di uno Stato dittatoriale e della temporanea rinascita di questa città metropolitana per eccellenza”. Una città immaginaria sostenuta e allo stesso tempo ingabbiata da una struttura metallica. “Scenograficamente, tutto è imprigionato, l’impalcatura che occupa lo sfondo della scena sostiene muri in costruzione o pericolanti e tiene in trappola gli edifici, i suoi abitanti e la stessa musica” sottolinea Branca. L’operita, per il regista, è un caleidoscopio di metafore, tra cui spicca quella della violenza. “Una musica bellissima e ammaliatrice uscirà dalla stessa gabbia e attirerà María verso quello che sarà il suo terribile destino. L’unica possibilità di fuga è verso il precipizio, nel fondo del quale – conclude Carlos Branca – ritroverà se stessa, la sua ombra”.

Il nuovo allestimento è coprodotto dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Ravenna Festival, Teatro Marrucino di Chieti, Teatro del Giglio di Lucca e Teatro di Pisa e gode del Patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia, oltre che del sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Emilia Romagna, del Comune di Ferrara e di Eni.

Presentato a luglio 2021 a Ravenna, lo spettacolo è stato in tournée a dicembre nelle città di Pisa e Chieti, infine Ferrara. Il 19 e il 20 febbraio 2022 sarà messo in scena a Lucca.

MARIA DE BUENOS AIRES – Extra

IN DIRETTA DA

TEATRO COMUNALE DI FERRARA

Considerato uno degli esempi più belli di teatro all’italiana, il Teatro Comunale di Ferrara è stato  costruito tra il 1773 e il 1797 su progetto di Antonio Foschini e Cosimo Morelli, e inaugurato nel 1798 con l’opera Gli Orazi e i Curiazi di Marco Portogallo. Si trova in corso Martiri della Libertà, in pieno centro storico a pochi metri dal Castello Estense. Il 21 marzo 2014 il teatro è stato dedicato alla memoria di Claudio Abbado, fondatore di Ferrara Musica e protagonista per 25 anni nella città estense di opere e concerti memorabili.

Media partner:

OperaStreaming
Coordinamento:
Fondazione Teatro Comunale di Modena
Via del Teatro 8 - 41121 Modena
P.IVA e CF 02757090366
info@teatrocomunalemodena.it
Tel. 059 - 2033020

Opera Streaming